A Milano arriva Primacotta

Che la pizza sia tornata grande protagonista della scena gastronomica milanese non è un mistero. Si contano negli ultimi anni centinaia di nuove aperture e sono molteplici i tentativi di differenziare un prodotto tanto semplice quanto complesso da evolvere.

È per questo da apprezzare il contribuito dello chef di Primacotta che ha creato una pizza in grado, come lui stesso racconta:”Di far innamorare al primo boccone e così l’abbiamo chiamata Primacotta”.

Rientra nella famiglia delle pizze d’asporto da godersi a casa, con la formula take away o nel punto vendita meneghino in via Vittor Pisani, 14. La pizza ha una serie di caratteristiche uniche. Tutte le specialità sono preparate con farine semi integrali macinate a pietra, 100% italiane e arricchite di farro tostato, germe di grano, lievito madre e multi cereali. La lunga lievitazione e una prolungata fermentazione garantiscono all’impasto un bouquet inconfondibile e un’ottima digeribilità.

“Il suo segreto – continua lo chef – è nella cottura in due tempi. Non è una pizza da riscaldare ma deve essere messa in forno a 200 gradi per pochissimi minuti al fine di completare il processo di cottura. Grazie a questo procedimento mantiene sempre tutte le proprietà nutritive e il gusto. Il risultato è quello di una pizza appena sfornata: croccante e soffice da godersi anche a casa, anche dopo qualche giorno”. Può essere infatti acquistata e lasciata in frigorifero o essere congelata. “L’idea – conclude lo chef – è quella di venire incontro a chi ha poco tempo per cucinare ma allo stesso modo desidera un prodotto fresco come se fosse appena sfornato, da gustare in maniera conviviale tra amici o in famiglia”. È disponibile in diversi formati e varianti tra cui quella vegana e vegetariana, il cuore di pizza o la focaccia croccante. Il progetto è destinato ad espandersi in franchising sia in Italia che nel mondo.

Commento

Commenta per primo questo articolo.

Lascia un commento